Crescendo nella contea di Orange, era un ritornello che sentivo spesso. “Non sembri ebreo.”Capelli chiari, pelle chiara, occhi azzurri, ho lottato con le persone che avrebbero cercato di convincermi con forza e frustrazione che non potevo nascere ebreo. Mia madre mi ricordava di guardare l’agitatore negli occhi e rispondere: “Bene, dimmelo. Che aspetto ha allora un ebreo?”

Basta dare un’occhiata alla nostra congregazione in una mattina di Shabbat. Scuro, chiaro, con gli occhi azzurri o verdi, persiano, israeliano, russo, nativo californiano me a me tutti sembriamo ebrei. Ma non a causa del nostro tono della pelle o della tinta degli occhi.Che aspetto ha un ebreo? Accendiamo candele su Shabbat e benediciamo i nostri figli; ci affrettiamo a servizi per garantire i nostri compagni ebrei possono fare un minyan per dire Kaddish; soffiamo lo Shofar, costruire un sukkah, e la luce Channukiah; sentiamo un profondo, commovente legame con Eretz Yisrael; guardiamo la brokenness del mondo e trovare il modo di aiutare; mettiamo in discussione e discutere migliaia di anni della nostra ricca, saggezza ebraica; non smettiamo mai di pregare per la pace e di sperare in un cambiamento.Le sparatorie a Pittsburgh avevano lo scopo di scuotere la nostra identità e spaventarci in una resa di fede. Ma chiaramente, il tiratore non ha capito il trucco di un ebreo.Che aspetto ha un ebreo?Quando sono incatenate o strangolate, spinte o calunniate, le nostre voci si uniscono in una sola chiamata all’azione: Sh’ma Yisrael Adonai Eloheinu Adonai Echad.Caro Dio, non ci nasconderemo. Guarda le nostre facce. In questo Shabbat e ogni Shabbat dopo, canteremo e vivremo con resilienza, sopravvivenza, luce e amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.