La battaglia di Boyacá fu uno scontro chiave nelle guerre per l’indipendenza dell’America Latina. Il combattimento fu tra un esercito ribelle sotto il comando del generale Simón Bolívar e un esercito guidato dagli spagnoli sotto il comando del colonnello José Maria Barreiro. Oggi la battaglia è considerata il punto di svolta nell’eventuale separazione di gran parte del nord Sud America dal dominio della monarchia spagnola, con le azioni di Bolívar che spianano la strada per un’eventuale indipendenza per l’odierna Colombia, Ecuador e Perù, così come la creazione della Bolivia.

La battaglia avvenne circa 93 miglia a nord-est della città di Bogotá, sulla strada dalla città di Tunja. Bolívar era avanzato in Colombia inosservato passando attraverso le Ande con il suo esercito dal Venezuela tra maggio e luglio 1819. Dopo aver sorpreso le forze realiste a guida spagnola con una serie di battaglie prima di Boyacá, ora avanzarono allo scoperto verso la città, che offriva sia poca resistenza in potenza militare che una base perfetta per la sua liberazione della regione.

Bolívar lo sapeva e lo sapeva anche il giovane Barreiro, che – come vedrai dalla nostra guida agli eventi della mappa di battaglia-tentò di tagliare l’avanzata del leader. Barreiro, nonostante fosse inesperto, comandava un esercito in gran parte ben addestrato, e come tale non fu turbato dalle precedenti battaglie di Bolívar, credendo di poter porre fine all’avanzata del ribelle una volta per tutte. Entrambi gli eserciti marciarono con grande velocità verso Bogotá, ognuno dei quali tentò di prendere il sopravvento attraverso la velocità.

Nonostante avesse guadagnato terreno su Bolívar, Barreiro avrebbe perso la Battaglia di Boyacá a causa di un misto di errori tattici e sottovalutazione di Bolívar e delle sue forze ribelli indipendenti. Separando le sue forze in due gruppi, rese facile per Bolívar dividere e conquistare le sue truppe – e con relativamente poco spargimento di sangue. In effetti, la portata della vittoria di Bolívar a Boyacá non è meglio enfatizzata che nel numero di truppe perse, con solo 13 vittime sul lato repubblicano e solo 100 su quello di Barreiro.

Questo non era un tritacarne, e questo era principalmente la testimonianza della prodezza tattica di Bolívar. Sfruttando parti chiave delle sue forze, come la Legione britannica, oltre a utilizzare il posizionamento tattico ai fianchi delle forze di Barreiro, Bolívar si assicurò finalmente la sua più desiderata indipendenza dal nemico versando a malapena del loro sangue.

Mentre pochi della forza guidata dagli spagnoli furono uccisi, il 7 agosto 1819 un certo numero di prigionieri furono presi. Di questi – compreso Barreiro-39 furono giustiziati sotto gli ordini di Bolívar, con le esecuzioni che ebbero luogo nella città appena liberata di Bogotá.

Mentre si diffondeva la notizia della sconfitta e dell’esecuzione di Barreiro, i leader realisti in tutta la regione, come il generale venezuelano Pablo Morillo, si resero presto conto che il controllo spagnolo del Sud America era sul filo del rasoio. I leader inviarono rapidamente notizie alla terraferma spagnola che erano necessari altri soldati per arginare la rivolta dei ribelli.

Tuttavia, nonostante alcuni gruppi di rinforzi più piccoli emergessero, non arrivarono rinforzi importanti. Ciò portò ad un ultimo, disperato scontro finale tra le forze guidate dagli spagnoli e quelle di Simón Bolívar due anni dopo, nel 1821, che, come per la battaglia di Boyacá, si concluse con un Bolívar vittorioso. Da quel momento in poi, gli spagnoli non controllarono più il Sud America.

Ritratto di Simón Bolívar .

Simón Bolívar – Capo militare

Come è avvenuta la battaglia
La battaglia con i numeri-Forze della Nuova Granada
La battaglia con i numeri-Forze spagnole
La battaglia in breve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.