Sii onesto per un momento

Quando il giorno della pubblicazione gira, hai un post pronto? O ti affretti freneticamente all’ultimo minuto per capire cosa scriverai?

Quando scrivi guest post per altri blog, i tuoi argomenti sono attentamente coordinati e strategici, o sparsi e incoerenti?

E per quanto riguarda i vostri sforzi per alimentare la crescita del tuo blog?

Hai provato diverse tattiche, come webinar, Periscoping e annunci di Facebook solo per vedere risultati poco brillanti?

Se è così, il tuo blog soffre di casualità.

Fortunatamente, c’è una cura.

La cura certa per la casualità del blogging

Non importa quanto sia buono il tuo istinto come blogger, il vero successo deriva da un’attenta pianificazione, non da una serie di decisioni in-the-moment.

E questo significa avere una strategia di contenuti.

È il perno che fa funzionare tutto insieme. È ciò che ti aiuta a costruire lo slancio per continuare a crescere nel tempo.

Allora, che cosa è esattamente una strategia di contenuti?

Demian Farnworth, chief content writer di Copyblogger, lo ha definito in questo modo:

“un piano per costruire un pubblico pubblicando, mantenendo e diffondendo contenuti frequenti e coerenti che educa, intrattiene o ispira a trasformare gli estranei in fan e i fan in clienti.”

La ricerca del Content Marketing Institute e dei Prof di marketing mostra che quelli con una strategia di contenuto documentata si considerano più efficaci con i loro contenuti e canali di social media.

Ma anche se i dati indicano che una strategia è essenziale per costruire un blog di successo, la stragrande maggioranza dei blogger non ne ha uno. Niente bueno.

Perché la maggior parte dei blogger è allergica alla strategia

I blogger hanno un’abbondanza di scelte. Non hanno quasi alcun limite al numero di possibili tattiche che potrebbero spostare il quadrante sul loro blog.

Ma il paradosso della scelta è che quando hai molte opzioni a tua disposizione, diventa difficile scegliere tra di loro.

Ecco alcune delle decisioni che devi affrontare quando si tratta di far crescere il tuo blog.

Innanzitutto, c’è il mezzo. Si dovrebbe solo blog? Podcast? Fare video? Che ne dici di tutti e tre?

Poi c’è il formato. I tuoi contenuti dovrebbero essere lunghi e dettagliati come i post qui su Smart Blogger? O dovrebbero essere brevi e concisi come i post di Seth Godin? O forse si dovrebbe curare il contenuto degli altri?

E per quanto riguarda la frequenza? Dovresti postare ogni giorno, settimanalmente o solo quando hai qualcosa di veramente epico da dire?

Poi c’è il compito altrettanto importante di come indirizzare il traffico al tuo blog.

Anche qui hai più approcci quando si tratta di capire il piano giusto per te.

Il risultato di avere così tante opzioni è sempre lo stesso. Si finisce paralizzato, ansioso, e perdere tempo.

Di conseguenza, il tuo “piano” di blogging assomiglia a qualcosa del genere:

Content Strategy - Immagine 1

Ma immaginate i vostri risultati se il vostro piano sembrava più simile a questo:

Content Strategy - Immagine 2

Quando si confrontano le due, è facile vedere che l’approccio sarà probabilmente resa risultati tangibili, e che vi lascerà annaspare in un mare di casualità.

Come creare una strategia di contenuto semplice ma efficace

Quando ho lavorato il mio lavoro aziendale, la nostra pianificazione aziendale annuale è stata un processo lungo e estenuante nel corso di quattro o sei settimane. La buona notizia è la creazione di una strategia per il tuo blog non richiede lo stesso livello di dolore.

Tutto quello che dovete fare è seguire un quadro che traccia un percorso chiaro per arrivare ai vostri obiettivi.

1) Inizia con la fine in mente

Nel suo libro classico, Le 7 abitudini di persone altamente efficaci, Stephen Covey ha scritto circa l’importanza di ottenere chiaro su dove si vuole andare:

Per cominciare con la fine in mente significa iniziare con una chiara comprensione della vostra destinazione. Significa sapere dove stai andando in modo da capire meglio dove sei ora e in modo che i passi che fai siano sempre nella giusta direzione.

Nel costruire la vostra strategia di contenuti, la prima scelta dovrebbe essere decidere il vostro obiettivo.

In particolare, devi chiarire perché il tuo blog esiste, definendo il tuo obiettivo finale.

Blog di blogger intelligenti per un motivo specifico definitivo. Qual è il tuo?

Ecco un esempio:

“Il mio obiettivo è quello di costruire un business che mi permette di lavorare da qualsiasi parte del mondo. Idealmente, mi piacerebbe lavorare non più di sei ore al giorno.”

Quindi, prendi questo “grande premio” verso cui stai lavorando e scomponilo in obiettivi specifici che devi raggiungere per far crescere il tuo blog lungo la strada. Questo ti aiuterà a guidare la strategia che crei per i tuoi contenuti.

Strategia dei contenuti-Immagine 3

Le tue pietre miliari variano a seconda di dove ti trovi nel tuo viaggio di blogging. Ecco alcuni comuni:

  • Crea una base di fan impegnata e fedele che condivide e commenta i tuoi post
  • Raggiungi i tuoi primi 1.000 abbonati e-mail
  • Guadagna costantemente $5k/mese

La tua strategia potrebbe dover adattarsi man mano che raggiungi ogni traguardo importante, quindi è una buona idea rivedere il tuo piano di contenuti dopo averli raggiunti.

2) Conosci il tuo pubblico dentro e fuori

Ogni decisione con il tuo blog deve iniziare con i tuoi lettori. Devi considerare le loro simpatie, antipatie e bisogni, così come i loro sogni, desideri, paure e frustrazioni.

Se sei tentato di ignorare questo passaggio, supponendo che tu sappia tutto ciò che c’è da sapere sul tuo pubblico, non farlo. Questo è il collante che fa funzionare tutto.

Alcuni consigli comuni e utili per conoscere bene i tuoi lettori ideali sono sviluppare personaggi. Ecco come blog e business writing coach Henneke descrive il rapporto che si dovrebbe avere con il vostro lettore ideale:

“Il tuo lettore ideale dovrebbe diventare come un amico immaginario. Dovresti conoscere così bene il tuo lettore ideale che puoi iniziare una conversazione con lei in qualsiasi momento. Sai quando scuote la testa perche ‘dici qualcosa con cui non e’ d’accordo. Sai cosa la fa sorridere o ridere. Conosci le domande che fa. Sai come affascinarla e lusingarla.

Quando descrivi il tuo lettore ideale, non pensare solo ai dati demografici come età, sesso, reddito, istruzione e circostanze familiari. Sai cosa sogna di ottenere? E cosa la tiene sveglia alle 3 del mattino?”

(Per saperne di più su come conoscere i tuoi lettori meglio di loro stessi, vai qui, qui e qui.)

Una volta che hai una forte maniglia su chi è il pubblico, è possibile utilizzare tali informazioni per guidare la vostra strategia di contenuti.

3) Progetta il tuo nastro trasportatore di contenuti

Il tuo piano di contenuti fungerà da “nastro trasportatore” per aiutarti a spostare il tuo pubblico lungo i vari passaggi del viaggio che ti porta entrambi ai tuoi obiettivi.

Ecco le fasi tipiche di cui hai bisogno per spostare il tuo pubblico:

Content Strategy - Immagine 4

Per muoversi con efficacia i vostri lettori da fase a fase, utilizzare le conoscenze scoperto nella fase precedente per rispondere alla seguente domanda:

“Ciò che mantiene il mio pubblico, bloccato in questa fase e di cosa hanno bisogno da me e i miei contenuti per andare avanti?”

Perché quando pensi a tutto ciò che pubblichi non semplicemente come “contenuto” ma come catalizzatore per un cambiamento specifico, il tuo approccio al blogging si sposterà.

Grande contenuto trasforma i tuoi lettori. E quella trasformazione dovrebbe progredire sia tu che il tuo pubblico verso i tuoi rispettivi obiettivi. Ecco perché ogni contenuto che pubblichi deve avere uno scopo.

Per indurre questo cambiamento, devi sapere quali problemi stanno dominando i pensieri dei tuoi lettori, così come di cosa hanno bisogno per passare al passo successivo con te. Questo ti aiuterà a determinare quale tipo di contenuto dare loro.

Abbinare il contenuto giusto al punto in cui il pubblico è in viaggio con te è fondamentale per aiutarti a ottenere risultati.

Ecco un esempio di quali tipi di contenuti funziona per le varie fasi:

Strategia dei contenuti-Immagine 5

Ed ecco un esempio di ciò che sta accadendo nel mondo reale.

In questo guest post sul Blog Change, l’autore internazionale di best-seller Stephen Guise ha affrontato in modo univoco un dolore bruciante comune del suo lettore ideale: mettersi in forma. Di conseguenza, è stato in grado di trasformare migliaia di estranei in lettori.

Strategia dei contenuti-Immagine 6

Offrendo un capitolo gratuito del suo libro sulle mini-abitudini, la strategia che ha scritto nel suo guest post, Stephen è stato in grado di convertire un buon numero di quei nuovi lettori in abbonati per il suo blog.

Strategia dei contenuti-Immagine 7

Ogni martedì mattina quando invia una e-mail alla sua lista, lavora per trasformare quegli abbonati in fan fedeli continuando ad affrontare argomenti che li interessano.

E alcuni di questi fan diventano clienti ogni volta che rilascia un nuovo libro o ricorda loro altri libri e corsi che ha a disposizione che sono in linea con le loro esigenze.

Strategia dei contenuti-Immagine 8

4) Determina il formato ottimale per i tuoi contenuti

Quando decidi quali contenuti dare al tuo pubblico, dovrai anche determinare il formato migliore.

Ci sono scelte di base come il mezzo: cioè, testo, audio o video. Ma ci sono tonnellate di altre considerazioni troppo, tra cui la lunghezza, l’uso di immagini, e anche se il tuo post sul blog dovrebbe essere un listicle, caso di studio, o jerker lacrima.

Prima di essere sopraffatti, consoli nel sapere che c’è un modo semplice per scoprire quali scelte sono ideali per aiutarti a far crescere il tuo blog.

Lascia che i dati decidano per te.

Estrarre i commenti che hai ricevuto sui contenuti che hai già pubblicato può darti indizi su ciò a cui il tuo pubblico è più ricettivo.

Andrew Warner a Content Ranked pubblica post di lunga durata. Sulla base dei commenti allegri che ha ricevuto, il suo pubblico è affamato di più contenuti con lo stesso livello di dettaglio.

strategia dei contenuti
strategia dei contenuti-immagine 10
strategia dei contenuti-immagine 11

Potresti anche chiedere al tuo pubblico quali sono le loro preferenze. In questo post, Linda Formicelli ha utilizzato un semplice sondaggio per capire se il suo pubblico voleva che si espandesse in contenuti audio e video.

Strategia dei contenuti-Immagine 12

E in questo caso di studio, Andrianes Pinantoan, dettagliato come Canva utilizzato dati 3rd party per capire la lunghezza post ideale, tipo (lista post), e anche il numero di immagini che dovrebbero includere in ogni articolo.

Facendo ricerche sui post più popolari dei loro concorrenti, utilizzando i forum per identificare nuovi modi per affrontare problemi comuni e acquisendo informazioni su ciò che i loro lettori stavano già condividendo, sono stati in grado di creare un profilo della forma che i loro contenuti dovevano assumere se volevano crescere.

Strategia dei contenuti-Immagine 13

5) Scegli il canale giusto per il tuo contenuto

Come per il formato, l’obiettivo di ogni contenuto gioca un ruolo nella selezione del canale. Se il tuo obiettivo è l’impegno con il tuo pubblico, pubblicare sul tuo blog o inviare un’e-mail ai tuoi abbonati è la strada da percorrere.

Se stai cercando di raggiungere un nuovo pubblico, dovrai selezionare un canale che vive al di fuori del tuo blog.

Ecco un modo per pensare a quali canali sono più appropriati per ogni fase che il tuo pubblico attraversa.

Strategia dei contenuti-Immagine 14

Srini Rao, ospite dell’inconfondibile podcast creativo, pubblica post sul blog su Medium come un modo per ottenere nuovi ascoltatori.

Strategia dei contenuti-Immagine 15

Poiché la creazione di grandi contenuti può richiedere molto tempo, considera la possibilità di pubblicare elementi diversi in canali diversi per ottenere la massima trazione possibile dai pezzi principali che produci.

Gary Vaynerchuk giura con questa strategia di riproposizione. Dai suoi pilastri dei contenuti principali degli spettacoli # AskGaryVee e Daily Vee, lui e il suo team fanno sì che diversi contenuti raggiungano un pubblico diverso in luoghi diversi.

Strategia dei contenuti-Immagine 16

Jay Baer di Convincere e convertire fa anche questo. Tre volte a settimana, Jay pubblica un video di tre minuti di Jay Today. E ogni video diventa otto diversi pezzi di contenuto. Fa parte di ciò che chiamano la loro strategia di “atomizzazione”.

Strategia dei contenuti-Immagine 17

6) Costruire relazioni con comunicazioni regolari

Avete mai incontrato qualcuno, si piacquero brillantemente, poi non è riuscito a rimanere in contatto dopo?

Quella relazione avrebbe avuto la possibilità di svilupparsi se uno di voi fosse stato più intenzionale nel tenerlo in corso.

Nella crescita del tuo blog, non puoi aspettarti che il tuo pubblico costruisca attivamente la relazione. Spetta a te fornire una comunicazione coerente per mantenere la connessione con il tuo pubblico.

La chiave è impostare le aspettative in modo che sappiano quando aspettarsi di sentire da te.

Ben Settle e-mail i suoi abbonati al giorno ed è molto chiaro nel fare in modo che le persone che considerano la firma fino alla sua lista sono consapevoli di quanto spesso si presenterà nella loro casella di posta.

Strategia dei contenuti-Immagine 18

Anche se il contatto quotidiano sembra troppo (e probabilmente lo sarà per la maggior parte dei blogger e del pubblico), ha senso inviare più frequentemente i tuoi abbonati all’inizio.

Molti blogger intelligenti aggiungeranno automaticamente nuovi abbonati a una breve sequenza di benvenuto prima di cadere in un programma regolare di invio dei loro ultimi contenuti del blog.

Brian Clark invia ai nuovi iscritti alla sua lista Unemployable una serie di tre e-mail come parte di un mini-corso, e poi le transizioni in e-mail settimanali.

Strategia dei contenuti-Immagine 19

Una volta nel vostro programma di pubblicazione normale, la frequenza ideale per voi e il vostro pubblico sarà determinato da una varietà di fattori, tra cui le loro preferenze, e quanto tempo è necessario per produrre contenuti di qualità.

Il vostro obiettivo dovrebbe essere quello di e-mail abbastanza spesso in modo che il pubblico si ricorda ed è felice di sentire da voi, ma non così tanto che sono sopraffatti con tutti i vostri messaggi.

Danny Iny e il suo team a Mirasee e-mail il loro pubblico sei giorni alla settimana. Ma per quelli nel loro pubblico che si sentono come sei messaggi sono troppo, danno loro la possibilità di ricevere meno messaggi.

Strategia dei contenuti-Immagine 20
Strategia dei contenuti-Immagine 21

E se non sei sicuro di quale sia la frequenza giusta per te, errare sul lato della pubblicazione meno spesso, e assicurati che quando pubblichi, sia il miglior contenuto che puoi scrivere sull’argomento.

Ecco la versione di Jon Morrow su questo problema:

Strategia dei contenuti-Immagine 22

7) Scegli la strategia di promozione perfetta per i tuoi contenuti

Un’altra considerazione importante è come far sì che le persone oltre i tuoi abbonati vedano i tuoi contenuti pubblicati.

Ci sono sei modi comuni per farlo: puoi usare un approccio o una combinazione, ma ognuno ha i suoi pro e contro.

Traffico a pagamento

Se hai soldi da investire, questo può portare costantemente lead qualificati al tuo blog. Gli annunci di Facebook possono essere complessi da configurare ma di grande successo una volta installati e funzionanti.

SEO

Se il tuo contenuto si colloca per un termine pertinente, può portare un flusso costante di traffico da parte di persone che cercano l’argomento di cui scrivi.

Danny Margulies a Freelance to Win scrive su come fare soldi su Upwork, e ottiene un sacco di traffico di ricerca perché si classifica #1 per questo termine.

Strategia dei contenuti-Immagine 23

Tuttavia, fai attenzione a selezionare SEO come strategia di generazione del traffico principale, specialmente come principiante. Nonostante l’evidente appeal del traffico di ricerca, non è l’approccio migliore per tutti. Ma questo non significa che si dovrebbe ignorare del tutto.

Ecco altri consigli di Jon Morrow per incorporare efficacemente SEO nella tua strategia di contenuti:

Strategia dei contenuti-Immagine 24

Influencer Outreach

Se sai come costruire relazioni e connetterti con gli influencer, farli condividere il tuo lavoro è un ottimo modo per essere introdotto a un nuovo pubblico.

Pubblico in prestito

Pubblicare i tuoi contenuti su siti o piattaforme con un pubblico integrato significativo è un modo popolare per ottenere maggiore visibilità per ciò che produci. Due approcci comuni per questa strategia stanno scrivendo post degli ospiti e contribuendo a siti di terze parti come Slideshare.

Abbonati e-mail

Quando hai una massa critica di persone nel tuo pubblico, che sono anche condivisori, possono servire come un prezioso esercito, diffondendo rapidamente la parola sui tuoi contenuti.

Ecco come Smart Blogger incoraggia i loro lettori impegnati a condividere i loro post:

Strategia dei contenuti-Immagine 25

Social media

Le piattaforme social sono progettate per la condivisione e la connessione. Se stabilisci un seguito in cui il tuo pubblico si blocca, può essere un ottimo modo per raggiungere nuove persone e riportarle al tuo blog.

A proposito di meditazione utilizza Instagram per trovare nuovi lettori. Ecco come usano strategicamente i singoli post per riportare le persone al loro sito web:

Ecco il post:

Strategia dei contenuti-Immagine 26

Ecco l’invito all’azione:

Strategia dei contenuti-Immagine 27

Ed ecco il link nella bio che porta i lettori a una pagina di destinazione sul loro sito web:

Content Strategy - Immagine 28

8) Chiudere l’Affare con una Call-to-Action che Converte

L’ultimo componente della vostra strategia di contenuto spesso sembra un dettaglio minore, ma non dare la giusta attenzione a questo elemento essenziale può significare la differenza tra raggiungere i vostri obiettivi o non.

Si tratta di conversione. In particolare, gli elementi di contenuto che rendono chiaro quale azione successiva si desidera che il pubblico a prendere, e rendendo più facile per loro di farlo.

Ad esempio, diciamo che il tuo lettore ideale si imbatte in un pezzo del tuo contenuto su Twitter. Arrivano al tuo sito web, leggono il contenuto e lo amano. Una volta che hanno finito, dicono “è stato fantastico” e se ne vanno, per non essere mai più visti.

Hai fatto tutto il duro lavoro per ottenere il tuo lettore ideale sul tuo sito, ma non avevi contenuti in atto per chiudere l’affare. Vergogna.

Per evitare questo spiacevole evento, prendere decisioni in anticipo su quali contenuti specifici è necessario convertire il pubblico al passo successivo nel vostro continuum.

Ecco alcuni esempi delle scelte di conversione che potresti fare in ciascuna delle tue fasi di audience.

Strategia dei contenuti-Immagine 29

Ecco come Happify utilizza hashtag rilevanti per aumentare la reperibilità su Instagram.

Strategia dei contenuti-Immagine 30

Per trasformare i lettori in abbonati, Primility utilizza una finestra pop-up di intento di uscita che appare dopo che qualcuno ha finito di leggere un post sul blog.

Strategia dei contenuti-Immagine 31

Per trasformare gli abbonati in fan fedeli, Marie Forleo incoraggia il suo pubblico a lasciare commenti sui suoi video e fornisce istruzioni esplicite su come farlo.

Strategia dei contenuti-Immagine 32

E per aiutare a convertire i fan fedeli e impegnati in clienti, includo una garanzia di rimborso sulla mia pagina di vendita di coaching.

Strategia dei contenuti-Immagine 33

In ogni caso, i blogger rendono chiaro e facile per il loro pubblico di fare il passo successivo desiderato.

Rifiuta la casualità e crea una semplice strategia di contenuto

È ora di ammetterlo.

Investi troppo tempo ed energie nel tuo blog per accettare una risposta ho-hum.

Ma la verità è che la casualità sta uccidendo le tue possibilità di successo.

Senza una strategia coerente per trasformare gli estranei in abbonati (e forse anche clienti), ti brucerai prima di raggiungere la tua destinazione.

Non devi creare un piano complicato: devi solo capire quali contenuti sposteranno le persone da una fase all’altra.

Quindi, avviare un blog utilizzando una semplice strategia di contenuti e vedere come ottiene risultati reali.

Il tuo blog lo merita.

Il tuo pubblico lo merita.

E sei sicuro che lo meriti anche tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.