Barcellona è una delle città più straordinariamente, favolosamente, intensamente belle d’Europa. Stretto tra le montagne e il mare, è come il gelato arcobaleno che tua madre non ti lasciava avere da bambino: un mix fluorescente di colori e sapori che rende tutto migliore. Per dimostrare il nostro punto e dimostrare che Barcellona è piena di vita, non importa dove si lascia il sentiero battuto, qui ci sono otto posti per vivere Barcellona al suo meglio – lontano dalle trappole turistiche. (Anche se a Barcellona, i luoghi turistici meritano una visita o tre.)

Concedetevi Caelum bakery

Un modo infallibile per fissare un minimo di zucchero è fare una visita all’angolo di Carrer Palla e Carrer dels Banys-Nous. Qui, torte, dolci e biscotti sono disposti deliziosamente nella vetrina del negozio, allettante passanti innocenti (vedi immagine lassù). I deliziosi morsi di Caelum sono notoriamente fatti dalle suore, e sì, sono celesti. Schernisci mentre osservi la gente nel salone del negozio o vai al piano di sotto per un tè pomeridiano più sotterraneo.

Scopri la storia presso la Biblioteca Nazionale della Catalogna

Gli amanti del libro e dell’architettura potranno divertirsi vagando per le sale ad arco e i cortili verdeggianti della biblioteca nazionale della Catalogna. Ora un tempio alla parola scritta-anche lavorando con Google per digitalizzare i libri di pubblico dominio – alcune sezioni della biblioteca risalgono al 15 ° secolo e sono stati originariamente gestiti da un ospedale. Quando hai finito di incanalare il tuo topo di biblioteca interiore, fai una pausa nel pittoresco cortile prima di dare un’occhiata ai graziosi caffè nei numerosi archi.

Fai scorta al Mercat de Sant Antoni

Questa bellezza ai margini del quartiere Raval si trova accanto al mercato della Boquería, molto più appariscente e pieno di turisti. Visita il Mercat de Sant Antoni per rifornire il tuo frigorifero con frutta fresca, pesce e verdure nei giorni feriali, o passa il fine settimana per prendere libri, monete e tessuti al mercato da collezione esterno.

Rilassatevi e contemplate in Plaça de St Felip Neri

All’ingresso del quartiere ebraico di Barcellona, le mura martoriate di Plaça de St Felip Neri – il tragico risultato di un bombardamento ordinato da Franco nel 1938-sono un ricordo del passato turbolento della Spagna. Ora, questo angolo ornato di fontane è un posto insolitamente tranquillo per allontanarsi per un pomeriggio.

l’ispirazione del Raval, quartiere

in Precedenza un neon a luce lampeggiante no-go area per i turisti, ruvido e tumble Raval ha cominciato a mostrare il suo lato più luccicante: Bar, gallerie, caffè, e una interminabile sfilata di colorati folk ora chiamano la loro casa, e culturale angoli (da provare il pattinatore occupata museo MACBA) sono stati creati nel tentativo di lavare la sua seedier storia. Mentre la gente del posto potrebbe ancora avvertirti di stare attento ai borseggiatori e ad altri personaggi sgradevoli, questo quartiere tortuoso e affascinante caotico racchiude un vero e proprio pugno di personalità eclettica pieno di diversità e merita il tuo tempo.

Ammira la Basilica di Santa María del Mar

Se ti piacciono tutte le cose gotiche, metti questa chiesa di quasi 650 anni in alto nella tua lista di Barcellona da visitare. Santa María del Mar del quartiere La Ribera è il tipo di edificio cavernoso e meraviglioso che ti fermerà nelle tue tracce, specialmente in una giornata piovosa quando il romanticismo di tutto è ancora più bello. La basilica è davvero sorprendente, quindi non dimenticare di sollevare la mascella da terra mentre te ne vai!

Assorbi nuove lingue e sorseggia café con leche

Barcellona è una città molto multiculturale e i suoi abitanti – nativi ed espatriati allo stesso modo – sono desiderosi di imparare le lingue. (I nativi della Catalogna sono già bilingui, poiché parlano sia catalano che spagnolo. Se sei a Barcellona per migliorare il tuo spagnolo o vuoi semplicemente fare come fanno i barcellonesi, ti consigliamo vivamente di passare un po ‘ di tempo in una delle tante piazze lussureggianti o nei caffè davanti a un delizioso café con leche – è un modo perfetto per fare i compiti e raccogliere parole e frasi che ti fanno sembrare un locale in pochissimo tempo.

8. Festeggia durante il Festival La Mercè

Settembre è un mese speciale a Barcellona: l’intera città esce per suonare per una gigantesca festa di strada in onore del santo patrono di Barcellona, Mare de Deu de la Mercè, e l’arrivo dell’autunno. Via Laietana irrompe con parate, batteristi, ballerini e l’attesissima fire run, o Correfoc: corridori vestiti da Diavoli scendono in strada con giganteschi sparkler che spruzzano tra la folla. (Non ti preoccupare, è molto più sicuro di quanto sembri.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.