DSC_1373

La campana è pronta a suonare. L’insegnante respira profondamente. Matite affilate a un punto perfetto e pile di carta colorata brillante disposte in bidoni ordinati. Bacheche fresche e bottiglie di colla in piccole file strette. Tutto nel posto giusto.

Aspettando che voci desiderose entrino con risate nervose. Un nuovo anno scolastico è pronto per iniziare. Che sia pubblico, charter o privato, le scuole della nostra nazione apriranno le loro porte a milioni di quest’anno.

Milioni di studenti feriti. E milioni di insegnanti esausti.

La chiesa ha un’opportunità.

Sto entrando nel mio 12 ° anno di insegnamento. Ho frequentato scuole pubbliche e scuole private. Non importa dove ti trovi, il bisogno è grande.

Spesso ci ritroviamo coinvolti in politiche e procedure, standard e test. Prendiamo le parti, discutiamo, disegniamo linee nella sabbia. Ma ogni insegnante che conosco vi dirà che il più grande problema che l’educazione affronta oggi è la rottura dei bambini della nostra nazione.

Hai mai provato a sostenere un esame finale sapendo di essere appena stato cacciato di casa? Ho insegnato a uno studente di fronte a quella molto crepacuore di quest’anno-un bravo ragazzo, un 17 anni quasi-uomo con le lacrime agli occhi.

Non era l’unico dei miei studenti cacciato dalla sua casa. Ce n’erano altri. Sempre uno di troppo. Ho insegnato a studenti senzatetto. Studenti che lavorano quasi 40 ore a settimana solo per aiutare i genitori a pagare l’affitto. Studenti i cui genitori li invitano a sballarsi.

Ci sono giorni in cui vedo tanta angoscia, faccio fatica a salire dalla desolazione.

La chiesa ha un’opportunità.

Se ho imparato qualcosa dalla classe è questo—gli studenti rispondono all’amore. Così fanno gli insegnanti. Anche se il messaggio del Vangelo non può essere condiviso in ogni classe in tutta la nostra nazione, l’amore di Gesù Cristo non può essere fermato.

Una delle più grandi manifestazioni di amore è attraverso l’atto di servizio. Perché l’amore è sempre un’azione. Quando l’amore è agito fuori, senza un ordine del giorno, l’umanità è commossa. Come potete voi, il ministero delle vostre donne, il piccolo gruppo o anche la chiesa servire le vostre scuole vicine, pubbliche o private?

Ho alcune idee.

  • Prendere una cena insegnante il primo giorno di scuola—qualsiasi giorno di scuola.
  • Chiedi a un insegnante della tua comunità se ha bisogno di forniture in classe.
  • Dona cibo alla banca del cibo della scuola, al ministero dello zaino o ad altre varie organizzazioni di beneficenza che lavorano per nutrire i bambini durante i fine settimana e durante i mesi estivi.
  • Offerta per alimentare squadre sportive prima delle partite.
  • Prepara un pranzo per la facoltà della tua scuola vicina durante la preparazione o altre volte durante tutto l’anno. O semplicemente portare ciambelle una mattina.
  • Volontario per essere un compagno di lettura per gli studenti. O semplicemente volontario.
  • Guida gli studenti più grandi incontrandoli per il pranzo o presentandosi per i loro eventi scolastici.
  • La tua azienda può assumere o apprendista studenti economicamente svantaggiati?

Alcune idee sono più semplici di altre. Alcuni richiedono un investimento maggiore. Questa lista è solo l’inizio della possibilità. Ma Gesù non promise mai che amare era facile. La sua idea di amore lo portò a una croce con le mani trafitte da unghie.

L’amore non è senza sforzo, ma è necessario. Affinché le scuole della nostra nazione sopravvivano, hanno bisogno di sperimentare le mani e i piedi del nostro tipo di amore di Gesù.

La chiesa ha un’opportunità.

Heather Iseminger, suo marito Michael e i loro due figli vivono in Florida. Heather insegna lingua e composizione delle scuole superiori. Si può leggere di più da Heather al suo blog, PetalsofJoy.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.